mercoledì 20 marzo 2013

ANTONIO LABRUNA



«Dagli anni ’60 agli anni ’80 non c’ è stato mistero italiano nel quale non sia comparso con qualche ruolo. (...) Una presenza costante ma sempre di seconda fila». [Rep. 28/1/2000]



Antonio Labruna (Napoli, 16 aprile 1927 – Bracciano, 27 gennaio 2000) è stato un agente segreto italiano.

Entra giovanissimo nell'arma dei Carabinieri e poi nel Servizio Informazioni Difesa (SID), dove coordina il Nucleo Operativo Diretto (NOD), alle dirette dipendenze del capo del Reparto D Gianadelio Maletti. Compie molti viaggi in Spagna, Grecia, Israele e Europa dell'est. Si occupa di "disattivare" alcune fonti del SID, all'interno del mondo dell'eversione neofascista italiana.
Nel 1972 venuto a conoscenza di alcuni particolari dell'organizzazione del Golpe Borghese (del 1970), riesce a ricostruirne molti particolari: ma i suoi rapporti vengono manipolati e consegnati incompleti alla magistratura.
«A dispetto della sua aria anonima, da mezzemaniche più che da 007, era un vero agente speciale. Sapeva parlare quattro lingue, e aveva una capacità di infiltrazione che gli consentì di fare alcuni scoop spionistici di alto livello. Il più importante nel 1974 quando raccolse, in una serie di bobine registrate (una delle sue passioni) le prove che nel 1970 era stato tentato un vero e proprio golpe che prevedeva tra l’altro l’arresto dell’allora capo dello Stato, Giuseppe Saragat, con la collaborazione di Licio Gelli». [Rep. 28/1/2000]
Nel 1981 il suo nome apparve negli elenchi degli iscritti alla loggia massonica P2.


La strage di Piazza Fontana
E' implicato nelle vicende processuali legate all'inchiesta sulla strage di Piazza Fontana del dicembre 1969 perché accusato dell'organizzazione della fuga dei ricercati Guido Giannettini e Marco Pozzan, agenti del servizio. Per questa accusa è arrestato il 28 giugno 1976 insieme al generale Maletti, ex capo del reparto D; viene condannato in via definitiva nel gennaio 1987, insieme a Maletti, per aver favorito la fuga dei due ricercati.



DOCUMENTI

Nessun commento:

Posta un commento